La Luce Blu ed i suoi effetti

Ne abbiamo sentito parlare spesso (anche in quest’altro articolo sul confort al tempo degli smartphone) ma non la conosciamo abbastanza, eppure la luce blu è parte integrante (soprattutto Oggi) della nostra vita quotidiana. Per questa ragione abbiamo deciso di condividere un interessante libretto informativo di Hoya a proposito della Luce Blu e dei suoi effetti.

luce blu

Innanzitutto che cos’è la Luce Blu?

Le sorgenti principali di Luce Blu sono: Sole, luce artificiale e led e le sue caratteristiche fondamentali sono:

  • Lo spettro della luce blu-violetto visibile è compreso tra 380 e 495 nanometri
  • Ha lunghezza d’onda corta e quindi maggior frequenza ed energia
  • E’ luce diffusa quindi causa sfocatura e riduzione del contrasto sulla retina

spettro di luce

Che influenza ha sul nostro corpo?

Negli ultimi anni sono stati scoperti nuovi recettori retinici chiamati “cellule gangliari intrinsecamente sensibili alla luce”, questi:

  • Non sono preposti alla visione come i coni ed i bastoncelli
  • La loro sensibilità massima è spostata verso il blu
  • Influenzano il ciclo circadiano, caratteristico ciclo sonno-veglia
  • Si è scoperto che la sovraesposizione alla luce blu può cambiare il ciclo degli ormoni – cortisolo (veglia) e melatonina (sonno) – responsabili delle nostre performance.

Quali possono essere gli effetti di una sovraesposizione?

Registriamo quindi tre tipologie di effetti che si ripercuotono rispettivamente su:

Sul nostro orologio interno.

Difficoltà ad ottenere il sonno, qualità del sonno inoltre influenza la produzione di melatonina in condizioni di scarsa luce

Sull’occhio: miopizzazione

Difficoltà a guardare insegne al neon blu la sera, inoltra la dispersione della luce blu diminuisce il contrasto ed aumenta lo sforzo accomodativo.

Sulla salute

Problemi cardiovascolari, problemi gastrointestinali, aumento del rischio di Cancro al Seno. Aumento del rischio di degenerazione maculare legata all’età

La sovraesposizione nel mondo digitale

L’esposizione alla luce blu aumenta per:

  • Maggior tempo trascorso davanti agli schermi al lavoro e nel tempo libero
  • Qualità degli schermi digitali a led bianchi (costituiti in realtà da led blu associati a fosfori gialli) in continua evoluzione
  • Aumento della diffusione dell’illuminazione a LED

smartphone luce blu

Come mantenere gli occhi sani riducendo la quantità di luce blu?

  1. Regole di Buon Senso. Giusta distanza tra occhi e schermo, riduzione dell’abbagliamento, correzione abitudini personali, facendo pause regolari e di qualità, utilizzo di lenti da vista adeguate.
  2. Colorazioni specifiche. Queste riducono la trasmissione ma spesso sono mal tollerate in quanto alterano la percezione dei colori, riducono la trasmittanza e quindi la quantità di informazioni che arrivano attraverso la luce e sono antiestetiche
  3. Uno speciale trattamento antiriflesso che riflette parte della luce blu dannosa emessa dai dispositivi digitali e dal sole.

Caratteristiche e vantaggi:

  • Riduce la quantità di luce blu dannosa che arriva agli occhi, per lunghezze d’onda più nocive 8410-450 nm) del 10% rispetto ad una lente antiriflesso e del 24% rispetto all’occhio nudo.
  • Garantisce un minor affaticamento visivo
  • Dona una visione naturale dei colori
  • Le lenti sono trasparenti, non colorate
  • Può essere applicato a tutte le lenti
  • Può essere utilizzato tutto il giorno

Commenti

commenti